fotobanner_orchestra_10

Orchestra Filarmonica Marchigiana

IN PRIMO PIANO

_________________

FORM & Max Gazzè
al Concerto del 1° maggio 2018

form-gazzè_thumb

_________________

HUBERT SOUDANT
Direttore Principale

soudant2_thumb

Intervista a Hubert Soudant

soudant_intervista_thumb

_________________

La Stagione FORM a

form_off_manchette

_________________

Info spettacoli FORM:

callcenter_thumb

I CARMINA BURANA ad Osimo

carminaburana_news_big

Sabato 17 marzo al Teatro La Nuova Fenice la spettacolare cantata composta da Carl Orff nella versione per soli, coro, due pianoforti e percussioni.

OSIMO 15 marzo – Le musiche dei Carmina Burana risuonano al Teatro La Nuova Fenice di Osimo sabato 17 marzo, alle 21, nell’ambito della stagione concertistica della città.
Sul palco il Coro del Teatro della Fortuna “M. Agostini" di Fano, il Coro di voci bianche “Incanto”, Lorenzo Di Bella e Gianluca Luisi ai due pianoforti e Matteo Fratesi, Stefano Manoni, Giacomo Sebastinelli e Francesco Vichi alle percussioni. Il soprano è Yuliya Poleshchuck, il tenore Antonio Garés e il baritono Quianming Dou. La bacchetta è di Mirca Rosciani, Maestro del Coro del Teatro della Fortuna.
Entusiasmo primordiale, gioia di vivere, sensualità, convivialità, ebbrezza tribale inneg-giante alla primavera: il tutto espresso da una musica che esalta la forza semplice e popo-lare del testo con la sua eccezionale immediatezza comunicativa. Sono gli ingredienti all'origine del successo planetario dei Carmina Burana di Carl Orff sin dal tempo della sua prima esecuzione nel 1937, tanto da indurre il compositore a realizzare una versione dell'opera per solisti, coro, due pianoforti e percussioni in modo da permetterne l'esecuzione in contesti diversi. Questa è la versione proposta a Osimo, particolarmente accattivante sul piano ritmico per l'impiego dei pianoforti uniti alle percussioni.
L’opera è basata su 24 poemi tra quelli trovati nei testi poetici medievali omonimi, opera di goliardi e clerici vagantes. È strutturata in un prologo e cinque parti, più il finale. Nel prologo c’è O Fortuna, l’invocazione alla Dea Fortuna sotto cui sfilano diversi personaggi emblematici dei vari destini individuali. Nella prima e nella seconda parte si celebrano il lieto aspetto della primavera: Primo vere (In primavera) e Uf dem Anger (Nel prato). Nella terza, In taberna ovvero All’osteria si hanno in prevalenza canti goliardici, mentre nella quarta parte Cour d’amours cioè Le corti dell’amore ci sono brani che inneggiano all’amore e che si concludono nella parte successiva con il coro di grazie alla fanciulla (Ave formosissima). Nel finale si riprende il celebre inno iniziale alla Fortuna.

Posto unico al costo di 10 euro, mentre alle scuole il prezzo riservato è di 4 euro. Info biglietteria, tel. 071/7231797.

CRISTIANO VEROLI
web design

Eidos
(D) Developed EIDOS

Coming Soon