fotobanner_orchestra_10

Orchestra Filarmonica Marchigiana

IN PRIMO PIANO

audizioni 2016_thumb

vai alla pagina>

_________________

HUBERT SOUDANT
Direttore Principale

soudant2_thumb

Intervista a Hubert Soudant

soudant_intervista_thumb

_________________

La Stagione FORM a

form_off_manchette

_________________

Info spettacoli FORM:

callcenter_thumb

Le Visioni notturne di Umberto Clerici

clerici-visioni_news_big

Il pluripremiato violoncellista torna con FORM per un programma dedicato a composizioni evocative della notte e dei suoi misteri.

ANCONA 29/03/2016 ─ Visioni dalla notte, culla sia delle tenebre che della speranza di una nuova alba: è il tema del programma Artista in residenza ─ Umberto Clerici: Visioni, per cui il pluripremiato violoncellista torinese si esibisce e dirige un concerto dal tema evocativo, accompagnato dall’Orchestra Filarmonica Marchigiana.
Dopo l’anteprima di questa sera al Teatro "Valle" di Chiaravelle, alle ore 21.15, tre gli appuntamenti che attraversano le Marche: domani, mercoledì 30 marzo, al Lauro Rossi di Macerata; giovedì 31 marzo all’Aula Ma-gna di Ateneo “Guido Bossi” (per la rassegna FORM-OFF in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche e Amici della Musica “G. Michelli”); infine venerdì 1 aprile all’Auditorium “Silvano Montevecchi” di Ascoli Piceno.
Tutti i concerti sono alle 21 e prevedono, oltre al bellissimo Concerto per violoncello e or-chestra n. 1 di Saint-Saëns eseguito nella versione per soli archi di A. Culiani, altri due brani estremamente accattivanti per il pubblico: Musica notturna delle strade di Madrid, op. 30, n. 6 (G. 324) di Luigi Boccherini e Verklärte Nacht, per archi, op. 4 di Arnold Schönberg. Ad introdurle, il celebre Notturno di Borodin, proposto nella sognante trascrizione orchestrale di Rimskij-Korsakov. Composizioni, dunque, dedicate alla notte e ai suoi misteri; tenebre che tradizionalmente sono da sempre luogo franco per la più profonda analisi interiore del proprio io. Program-ma grazie al quale viene evocata l’infinita oscurità dell’abisso, e non solo come regno del tormento e dell’inquietudine: la notte può trasfigurare se stessa (Verklärte Nacht significa proprio Notte trasfigurata) attraverso un’esperienza mistica in grado di salvare l’anima per-sa in mezzo alle tenebre.
Umberto Clerici da diversi anni si esibisce in giro per il mondo, nelle sale più prestigiose d’Europa e d’America. Vincitore di numerosissimi riconoscimenti, tra cui il “Rostropovich” di Parigi, è anche l’unico violoncellista italiano (oltre a Mario Brunello) a vedersi premiato nel celebre Concorso Čajkovskij di Mosca. Clerici torna ad esibirsi con la FORM rinnovando la collaborazione, stavolta come artista in residenza.

CRISTIANO VEROLI
web design

Eidos
(D) Developed EIDOS

Coming Soon